Scarica il flash player per visualizzare il filmato.

Menu:

Cerca un articolo nel sito FSSI

Scrivi una parola:


Cerca:





Visualizza tutte le notizie che riguarda il mondo dei Giovani e lo Sport

Link Istituzionali




Statistiche

Nuovi obiettivi per Germano dopo i trionfi di Taipei

*Aggiornato il 02/11/2009 | Notizie Nuoto | 2754 accessi

Oggetto: Nuoto - Nuovi obiettivi per Germano dopo i trionfi di Taipei

PROTAGONISTA assoluto a Taipei nei “Deaflympics”, i Giochi Olimpici dei sordi, con tre ori, due argenti, un bronzo, Luca Germano è di nuovo in vasca pronto per altre imprese.
Primo appuntamento, gli assoluti invernali di Riccione a novembre, col mirino puntato sugli “Europei-deaf” di luglio 2010 in Germania. Sentiamo il campione della RN Florentia via e-mail.

Ti saresti aspettato un così gran successo a Taiwan?
«Per niente. Sono gare imprevedibili. La preparazione fattami da Pasquali, mi ha però dato sicurezza».

Quali sensazioni?
«Una serie infinita di emozioni. Oltre la felicità, mi sono sentito fiero per esser stato utile alla federazione e alla mia città. Là, tutti mi chiamavano il fiorentino».

Hai trionfato nei 100 sl, 400 sl e 200 farfalla. La soddisfazione maggiore?  

«Nei 400 sl. Non credevo di farcela. Ho indossato male i pantaloni della Jaked: si sono riempiti d’acqua creando un freno pazzesco. Ma è andata bene. E’ la mia prima vittoria nelle otto vasche».

Nei 100 farfalla ti sei dovuto contentare dell’argento?
«Non ho potuto dare il massimo. E’ stata la prima gara e non avevo recuperato le fatiche del viaggio».

E sì che all’inizio non eri molto convinto di partecipare?
«Non avevo mai gareggiato per la Federazione Sport Sordi Italiana. Mi ha convinto il consigliere Piero Samueli. Lo ringrazio».

L’anno prossimo il bis agli Europei?
«Spero di sì. Anche se il primo dei miei impegni è l’università. Faccio matematica e sono un po’ indietro
con gli esami».

ll complimento più bello?
«Dal sindaco di Taipei. Mi ha cercato di persona per congratularsi».

A proposito di costumi, in batteria con lo LZR Speedo, nelle finali col Jaked?
«E’ così».

Da gennaio la Fina imporrà nuove regole. Pare si torni all’antico. Ma i “costumoni” quanto aiutano?
«Per me poco, gli altri parecchio».

Quali sono le maggiori difficoltà per i nuotatori non udenti?

 «Direi che sono state annullate da quando è stato imposto l’uso del segnale luminoso alle partenze».

La tua gara preferita?
«I 200 farfalla».

I tuoi idoli ?
«Michael Phelps e Aaron Peirsol».



La Nazione, Firenze.

30/10/2009 8.32.48


Ritorna indietro